RecensioniRubriche

Il Diavolo veste Prada – Lauren Weisberger

posted by Giulia gennaio 17, 2018 2 Comments

LIBRO O FILM?

Mi piace leggere i libri dopo aver visto il film perchè so per certo che il libro qualcosa in più me lo darà.

E così è stato anche per Il Diavolo veste Prada. 

Vidi il film diversi anni fa e non mi appassionò granchè. Rappresentava un mondo così lontano da me che mi pareva surreale e veramente troppo distante da ogni parvenza di vita vera….ma si può decidere di umiliarsi a quel modo, pensai.

Nonostante questo ho avuto la gran voglia di leggere il libro, forse proprio per capire come una storia così superficiale potesse essere divenuta un bestseller ed essere anche trasportato al cinema con un successo strepitoso.

Insomma, prendo questo libro e inizio a leggerlo.

In tre giorni lo finisco.

Mi ha appassionata, mi ha catturata e devo dire mi ha conquistata come invece il film non ha fatto (e quando mai per me un film ha mai avuto la meglio su un libro?…mmmm, mai direi).

Ho apprezzato più il libro del film perchè è meno drammatizzato, meno teatrale e più reale. E sicuramente più ricco di dettagli e sfumature, più schietto e diretto. Inoltre nel film sono stati omessi fatti importanti della trama e ne sono stati inseriti altri a mio avviso inutili e esclusivamente “cinematografici”.

Trama

Miranda Priestly, direttrice di Runway, la rivista più patinata del mondo, assume come sua assistente junor, Andrea Sachs, giovane donna neo-laureata che decide di sacrificare un anno della sua vita ai servizi dell’arrogante, viziata e disumana direttrice, con la speranza di poter accedere infine al suo sogno:diventare scrittrice per il New Yorker.

Durante questo lungo anno, Andy perde di vista la sua vita vera, trascurando gli affetti più cari come la sua amica Lily che diventa un’alcolista senza che lei se ne accorga, sua sorella che partorisce un bambino, i suoi genitori e il suo fidanzato Alex che finisce per perdere per sempre.

Solo alla fine, dopo undici lunghi mesi, Andy si sveglia dal torpore e si rende conto che la sua vita sta andando a rotoli perchè ogni secondo della sua esistenza è ormai al servizio della perfida Miranda….e perchè lei stessa, suo malgrado, si è trasformata, diventando ogni giorno più simile al suo capo e a quel tipo di donna che ha sempre disprezzato.

Così, decide di mandare letteralmente Miranda a quel paese ed anche se certi affetti ormai sono persi, riesce con le proprie forze a rialzarsi e a trovare la propria strada, anche senza le tanto agognate e  presunte indispensabili raccomandazioni di Miranda Pristley.

Vince il film o il libro?

LIBRO!!

Il libro è molto divertente e i personaggi sono davvero ben caratterizzati e ciò è in parte dovuto al fatto che la scrittrice conosce molto bene quella realtà, quel mondo quasi surreale fatto di vestiti pregiati, diete sfrenate e persone zerbinate la cui ambizione rasenta la follia: difatti, prima di scrivere questo romanzo, la Weinsberger ha lavorato come assistente di Anna Wintour, mitica direttrice di Vogue America e guru della moda mondiale.

Certo, il libro è una lettura leggera, senza pretese, ma tuttavia racconta del difficile passaggio dall’adolescenza all’età adulta e mostra come alle volte l’ambizione possa far perdere di vista le cose importanti della vita. Il tutto senza drammi o sentimentalismi inutili, anzi in modo piuttosto ironico.

E voi, che ne pensate? Film o libro?

Clicca QUI per acquistare il libro

Vi aspetto,

Giulia

Per acquistare il libro clicca QUI

Ti potrebbe interessare anche...

2 Comments

Roberto gennaio 17, 2018 at 11:11 am

Il film ha un problema di fondo, il divario recitativo tra la Streep e la Hathaway: incolmabile!

Reply
giulia gennaio 18, 2018 at 2:05 pm

Hai ragione!
In effetti non sono paragonabili…

Reply

Leave a Comment