Confabulando di poesiaRubriche

Le poesie di Maria Cumani

posted by Giulia settembre 1, 2018 2 Comments

Cara poesia…

Il 19 agosto scorso ho avuto l’onore di trovarmi tra i finalisti del Premio Letterario Internazionale Salvatore Quasimodo con il mio primo romanzo, Ti regalo il cielo. In tale occasione ho potuto conoscere Alessandro Quasimodo, figlio del grande poeta nonchè presidente del concorso, il quale ha presentato il libro di poesie di sua madre, Maria Cumani, edito da Aletti editore e intitolato Lontana da gesti inutili. Sono poesie molto belle che ho avuto il piacere di ascoltare dalla voce dello stesso Alessandro Quasimodo che le ha sapute leggere con grande passione e bravura. Ne sono rimasta affascinata e così ho acquistato il libro.

 

 

 

Ho deciso di condividere sul blog una di esse che mi ha particolarmente colpita; si intitola Nenja.

La neve,

e la luna sulla neve,

e noi nel  silenzio, sotto la luna,

e bianca, rotonda, silenziosa la luna  nel cielo, lassù.

E il cielo così chiaro

e l’aria anche chiara,quasi latte

e latte il cielo laggiù,che s’incurva tenero sui monti

e neri i monti, acuti incidono tagli,nel cielo amoroso.

(oh cielo amoroso, preso di noi

e noi, amorosi, presi di cielo)

Cielo di silenzio,

sopra silenzio immenso di neve,

immenso di neve, colore di rosa e viola, sotto la luna,

e rosa la luna e viola il cielo teso, come seta vibra.

E  la seta della mia gota, come brivido,

e brivido corre la tua gota a un fiato della mia

e il tuo e mio fiato,nuvole leggere, corrono via

e corrono intanto lassù alla luna anche i nostri occhi.

Oh luna perduta,

e noi perduti nella luna,

e ogni cosa perduta, in chiarore,

e i monti e la distesa di neve e noi, sogno,

e tutto che vediamo sogno, eterno, immobile, infinito

nella notte infinita, immobile, eterna.

(Maria Cumani, Lontana da gesti inutili)

 

Ti potrebbe interessare anche...

2 Comments

Roberto settembre 4, 2018 at 6:14 am

Bellissima!

Reply
c4web settembre 4, 2018 at 10:12 am

😊

Reply

Leave a Comment