Browse Category

Rubriche

Autori EmergentiRecensioniRubriche

Aspettando le stelle – Carola Helios

posted by Giulia gennaio 16, 2019 0 comments

Aspettando le stelle è un romanzo dolce e molto realistico che si legge tutto di un fiato.

La protagonista è Beatrice, personaggio di cui seguiamo le vicende dall’età di nove anni fino all’età adulta. All’inizio della storia ci troviamo sul finire degli anni cinquanta e Beatrice è una bambina dalle bionde trecce che ogni anno passa le sue estati in un piccolo paese di provincia in compagnia del nonno e degli zii. Da principio sembra non gradire queste vacanze imposte dai suoi genitori, ma con il passare del tempo torna volentieri in quel paesino dove non c’è nulla di speciale ma del quale ormai non può più fare a meno e dove ogni volta ritrova i suoi famigliari che impara a conoscere e ad amare. Si affeziona in particolare alla zia Milena e nell’estate del 1961 conosce Marco, un ragazzo con i capelli e gli occhi neri che si diverte a prendersi gioco di lei. Ed è proprio in quell’estate che, senza che Beatrice se ne renda conto ancora, l’amore inizia a tessere la sua trama.

La vita di Beatrice cambia per sempre in un giorno d’estate: l’amore che si affaccia timido, la sorpresa e la paura di esso, il confondere una cotta con l’amore vero ed infine la tragedia, faranno sì che Beatrice passi il resto della sua esistenza in attesa di qualcosa che non potrà mai essere più. Solo alla fine del libro, ormai donna di mezza età, durante una conversazione con suo figlio adottivo al quale confessa che “le cose belle prima o poi succedono, però bisogna aspettarle” capisce finalmente che aspettare le stelle non è morire ma, tutt’altro, è vivere. Ricopre così la luce delle stelle che aveva perso rannicchiata nella sua solitudine.

Questa storia mi ha colpito per il modo distaccato con il quale l’autrice riesce a raccontare la vita semplice eppure intensa di Beatrice senza mai soffermarsi sui suoi stati d’animo, ma facendoceli percepire attraverso le sue azioni e i suoi silenzi. Devo dire la verità: inizialmente ho trovato difficile adattarmi a questo tipo di narrazione, un po’ scarna di spunti emozionali, perché in fondo io amo l’introspezione dei personaggi, che si interrogano, riflettono, soffrono apertamente. Nonostante questo, sono riuscita a trovare il modo, grazie alla scrittura scorrevole e pura dell’autrice, a mettermi lo stesso nei panni di Beatrice e ad apprezzare la sua “riservatezza” emotiva.

Una lettura che con pacatezza traghetta verso la verità delle cose.

L’autrice

Carola Helios (Carolina Bignozzi) nasce nel 1940 a Pontinia, dove attualmente vive.
Nel 1980 consegue il diploma di Scuola Magistrale come autodidatta e svolge la sua attività di docente presso la Scuola dell’Infanzia “Migliara 54”, nel  comune di Pontinia.
Nel 2017 pubblica il suo primo libro: Specchio d’acqua, mentre nel 2018 pubblica, sempre con la Caravaggio Editore, Aspettando le Stelle.
Ora in pensione, si dedica alla decorazione della ceramica e della porcellana, oltre che alla scrittura.

 

RecensioniRubriche

Le streghe di Atripalda – Teodoro Lorenzo

posted by Giulia gennaio 12, 2019 0 comments
Le streghe di Atripalda di Teodoro Lorenzo, è una raccolta di racconti, ognuno dei quali basato su una diversa disciplina sportiva. Devo ammettere di aver iniziato la lettura con un po’ di scetticismo, sicura di leggere noiose avventure sportive fine a se stesse. Per fortuna è stato invece uno di quei casi in cui il pregiudizio viene soppiantato dalla piacevole sorpresa di una lettura tutt’altro che scontata e noiosa.

Risultati immagini per le streghe di atripalda

Continue Reading

ARTICOLISopravvivere alla scuola

La didattica per competenze

posted by Giulia gennaio 11, 2019 0 comments

Ormai sono diversi anni che nell’ ambiente scolastico si sente parlare di competenze e di didattica delle competenze. Questa è difatti l’ultima frontiera verso cui il sistema didattico si sta dirigendo.

La scuola è un organismo in evoluzione e negli anni è cambiata di molto anche se agli occhi di persone esterne potrebbe non sembrare. Almeno è cambiata a livello teorico, in particolare dal 2012, quando sono uscite le Indicazioni Nazionali per il curricolo.

Quando ero io una studente di scuola primaria e ancora quando ho iniziato a insegnare, la scuola aveva tutta un’altra impronta rispetto a quella odierna ma, come già detto, essendo un organismo che  – per fortuna – si evolve, è cambiata e sta attualmente cambiando in risposta al mutare della società, che certamente non è la stessa di cinquanta anni fa. Continue Reading

RecensioniRubricheUncategorized

Il canale dei cuori – Giuseppe Sgarbi

posted by Giulia dicembre 28, 2018 0 comments

Ho adorato moltissimo questo libro, semplicemente perché è autentico, incontaminato e limpido come l’acqua del fiume che fa da scenario a tutto il racconto, scritto con una semplicità capace di impreziosire ogni singola parola.

Giuseppe Sgarbi, detto Nino, ha iniziato molto tardi a scrivere (o meglio, a pubblicare), a ben novantatrè anni, seguendo il consiglio della figlia e assecondando la sua indole innata di narratore. Ha scritto quattro libri in soli cinque anni, racchiudendo in essi rammenti di una vita lunga quasi un secolo, rendendola di conseguenza immortale.

Il canale dei cuori, pubblicato postumo, non è un romanzo ma piuttosto una raccolta di ricordi che l’autore ci racconta attraverso un dialogo immaginario con suo cognato Bruno, scomparso anni fa, dialogo che ha inizio sulle rive del fiume dove i due amici erano soliti andare a pescare. Rivolgendosi a Bruno, Nino ripercorre tappe importanti della sua esistenza, regalandoci tratti di un’epoca che non esiste più e lasciandosi spesso andare a riflessioni personali che mi hanno molto commossa. Nino riflette sulla vita, che celebra senza nessun ma, sull’ eternità dell’amore, quello vero, sulle peculiarità della felicità, sull’ arte e la scrittura, sulla realtà odierna così profondamente diversa da quella di ieri. Ed è con una metafora che ci spiega quale secondo lui è il motivo di tale diversità. Continue Reading

RecensioniRubriche

L’ ospite – Sthepanie Meyer

posted by Giulia dicembre 15, 2018 0 comments

Un tempo imprecisato, forse un futuro non troppo lontano. Un mondo apparentemente normale che invece cela una cruda realtà per la civiltà umana, preda di creature extraterrestri che parassitano il cervello delle persone, annientando le loro identità e di fatto, uccidendole, non nel corpo ma nella mente.

Questo è lo scenario distopico del romanzo della Meyer, che ho deciso di leggere a seguito delle buone recensioni lette qua e là sul web.

Stephanie Meyer la conoscevo grazie alla notorietà ottenuta qualche anno fa con la saga di Twilight; forse è stato un pò anche questo che mi ha spinto a leggere L’ospite, curiosa di capire come uno scrittore possa “continuare” dopo tanto successo. Perchè insomma, credo che non sia facile svincolarsi dalla fama, purificarsi da quella idea che la gente si è fatta e da ciò che si aspetta e il rischio di deludere è molto alto. Io stessa mi aspettavo di ritrovare personaggi fantastici alla stregua di licantropi e vampiri, che in Twilight hanno conquistato i cuori delle giovanissime (e non solo), nella loro rivisitazione lontana anni luce dalla visione gotica che li immaginava come creature disumane assetate di sangue e carne umana. Ma così non è stato (e menomale) e in L’ospite, la protagonista è un’umana anche se con il cervello alieno.

Continue Reading

Autori EmergentiRubriche

Fenomenologia di Manuel Agnelli – Social e narrazione mitica ai tempi di X Factor

posted by Giulia dicembre 5, 2018 0 comments

Fenomenologia di Manuel Agnelli (Dissensi Edizioni), di Cristiana Boido,al contrario di quanto ci si possa aspettare dalla copertina, non è una biografia del cantante degli Afterhours, ma bensì un vero e proprio saggio sulla narrativa mitica in rete.

Partendo da una semplice domanda, ovvero perché Manuel Agnelli ha ottenuto così tanto successo, l’autrice spiega che tale successo per un personaggio che prima di approdare a X Factor non era poi così conosciuto e che lo ha reso in breve tempo un mito, ha avuto inizo grazie alla narrazione mitopoietica avvenuta tramite le social community.

L’autrice studia per più di un anno, dal gennaio 2016 al giugno 2017, i vari social e attraverso un’ accurata analisi fenomenologica evidenzia la progressiva emersione del personaggio Agnelli, che decidendo di partecipare al suddetto Talent show, ha innescato una fitta e intricata rete narrativa attraverso i social che sono in poco tempo  letteralmente impazziti per il suo personaggio. Continue Reading

ARTICOLIRubriche

Il romanzo gotico…in attesa di Halloween…

posted by Giulia ottobre 28, 2018 0 comments

Ci siamo quasi…il 31 ottobre è ormai prossimo…e se prima era solo la vigilia di un giorno di festa, oggi si sa, è Halloween, festa di origine anglosassone che negli anni ha invaso sempre più anche l’Italia. Contenti o no, tutti quanti in questo periodo siamo circondati da zucche, ragnatele, scheletri e quant’altro abbia a che fare con il terrore e le storie di paura.

Attraverso il mio blog vorrei pensare e vivere questa festa attraverso i libri.

Quale è il genere narrativo che più si adatta ad Halloween?

Ma il romanzo gotico, naturalmente! Ecco perchè ho pensato di scrivere un breve articolo di approfondimento su tal genere letterario, aggiungendo alla fine qualche consiglio di lettura.

In fondo all’articolo troverete alcuni link di idee per addobbare la tavola e la casa e alcuni lavoretti da fare insieme ai vostri bambini…oltre a consigli di lettura anche per i più piccoli!

Continue Reading

Autori EmergentiRubriche

La vita silente – Luisa Sisti

posted by Giulia ottobre 11, 2018 1 Comment

E’ La vita silente, il romanzo di esordio di Luisa Sisti, ad inaugurare la rubrica dedicata agli autori emergenti.

Il destino ha voluto che l’autrice abbia pubblicato il suo primo libro, con la stessa casa editrice che ha pubblicato il mio Ti regalo il cielo, ovvero, Augh! Edizioni, del gruppo Alterego. Mi auguro che sia di buon auspicio per entrambe!.

La vita silente racconta la storia di un amore clandestino tra Guido e Laura; lui austero professore universitario di mezza età, lei giovane donna di nemmeno trent’anni che lavora in campo giornalistico. Il caso vuole che le loro vite si intreccino e che nasca una travolgente passione alla quale sarà difficile rinunciare, nonostante le oggettive problematicità dovute non tanto alla differenza di età tra i due, quanto piuttosto al fatto che Guido è sposato con Pia, con la quale ha due figlie ormai adulte. Continue Reading

RecensioniRubriche

Solaris – Stanislaw Lem

posted by Giulia settembre 11, 2018 0 comments

Solaris: la fantascienza parla di filosofia

Definire Solaris un romanzo di fantascienza sarebbe non solo riduttivo, ma un vero errore. Il libro di Stanislaw Lem è difatti un’autentica opera filosofica sulla natura umana, nonostante si appoggi su una trama fantascientifica.

Leggendo Solaris si rimane segnati per sempre, perché questo è uno di quei libri che porta a riflessioni profonde, nelle quali sorge spontanea sempre la solita domanda, l’assillo atavico dell’uomo: perché?

La storia narra l’avventura di uno studioso, Chris Kelvin, che arriva, dopo un lungo viaggio di sedici mesi, su Solaris, un pianeta che ha come unica forma vivente l’oceano dal quale è totalmente ricoperto. Kelvin si rende subito conto che c’è qualcosa che non va e ben presto capisce che l’oceano è in grado di interagire con gli esseri umani in un modo alquanto surreale: è infatti capace di sondare la mente umana e di materializzare i pensieri e i ricordi più significativi nascosti in essa. Continue Reading

Confabulando di poesiaRubriche

Le poesie di Maria Cumani

posted by Giulia settembre 1, 2018 2 Comments

Cara poesia…

Il 19 agosto scorso ho avuto l’onore di trovarmi tra i finalisti del Premio Letterario Internazionale Salvatore Quasimodo con il mio primo romanzo, Ti regalo il cielo. In tale occasione ho potuto conoscere Alessandro Quasimodo, figlio del grande poeta nonchè presidente del concorso, il quale ha presentato il libro di poesie di sua madre, Maria Cumani, edito da Aletti editore e intitolato Lontana da gesti inutili. Sono poesie molto belle che ho avuto il piacere di ascoltare dalla voce dello stesso Alessandro Quasimodo che le ha sapute leggere con grande passione e bravura. Ne sono rimasta affascinata e così ho acquistato il libro.

 

 

 

Ho deciso di condividere sul blog una di esse che mi ha particolarmente colpita; si intitola Nenja.

Continue Reading