Tag

amore

Autori EmergentiRecensioni

Innamorarsi è una follia socialmente accettabile – Cristina Alessandro

posted by Giulia marzo 11, 2019 0 comments

Innamorarsi è una follia socialmente accettabile, di Cristina Alessandro, è una raccolta di racconti brevi che hanno come perno il sentimento che si dice smuova la terra: l’amore. Visto da prospettive molto diverse le une dalle altre, ne riscopriamo i risvolti più strani e gli ingranaggi più nascosti del motore che lo muove. Tramite queste storie si mettono in luce gli istinti primordiali che lo alimentano e ne regolano la nascita, la crescita e la sopravvivenza fino anche alla sua morte, come un vero e proprio essere vivente.Risultati immagini per innamorarsi è una forma di follia socialmente accettabile Continue Reading

RecensioniRubriche

Le streghe di Atripalda – Teodoro Lorenzo

posted by Giulia gennaio 12, 2019 0 comments
Le streghe di Atripalda di Teodoro Lorenzo, è una raccolta di racconti, ognuno dei quali basato su una diversa disciplina sportiva. Devo ammettere di aver iniziato la lettura con un po’ di scetticismo, sicura di leggere noiose avventure sportive fine a se stesse. Per fortuna è stato invece uno di quei casi in cui il pregiudizio viene soppiantato dalla piacevole sorpresa di una lettura tutt’altro che scontata e noiosa.

Risultati immagini per le streghe di atripalda

Continue Reading

RecensioniRubricheUncategorized

Il canale dei cuori – Giuseppe Sgarbi

posted by Giulia dicembre 28, 2018 0 comments

Ho adorato moltissimo questo libro, semplicemente perché è autentico, incontaminato e limpido come l’acqua del fiume che fa da scenario a tutto il racconto, scritto con una semplicità capace di impreziosire ogni singola parola.

Giuseppe Sgarbi, detto Nino, ha iniziato molto tardi a scrivere (o meglio, a pubblicare), a ben novantatrè anni, seguendo il consiglio della figlia e assecondando la sua indole innata di narratore. Ha scritto quattro libri in soli cinque anni, racchiudendo in essi rammenti di una vita lunga quasi un secolo, rendendola di conseguenza immortale.

Il canale dei cuori, pubblicato postumo, non è un romanzo ma piuttosto una raccolta di ricordi che l’autore ci racconta attraverso un dialogo immaginario con suo cognato Bruno, scomparso anni fa, dialogo che ha inizio sulle rive del fiume dove i due amici erano soliti andare a pescare. Rivolgendosi a Bruno, Nino ripercorre tappe importanti della sua esistenza, regalandoci tratti di un’epoca che non esiste più e lasciandosi spesso andare a riflessioni personali che mi hanno molto commossa. Nino riflette sulla vita, che celebra senza nessun ma, sull’ eternità dell’amore, quello vero, sulle peculiarità della felicità, sull’ arte e la scrittura, sulla realtà odierna così profondamente diversa da quella di ieri. Ed è con una metafora che ci spiega quale secondo lui è il motivo di tale diversità. Continue Reading

RecensioniRubriche

L’ ospite – Sthepanie Meyer

posted by Giulia dicembre 15, 2018 0 comments

Un tempo imprecisato, forse un futuro non troppo lontano. Un mondo apparentemente normale che invece cela una cruda realtà per la civiltà umana, preda di creature extraterrestri che parassitano il cervello delle persone, annientando le loro identità e di fatto, uccidendole, non nel corpo ma nella mente.

Questo è lo scenario distopico del romanzo della Meyer, che ho deciso di leggere a seguito delle buone recensioni lette qua e là sul web.

Stephanie Meyer la conoscevo grazie alla notorietà ottenuta qualche anno fa con la saga di Twilight; forse è stato un pò anche questo che mi ha spinto a leggere L’ospite, curiosa di capire come uno scrittore possa “continuare” dopo tanto successo. Perchè insomma, credo che non sia facile svincolarsi dalla fama, purificarsi da quella idea che la gente si è fatta e da ciò che si aspetta e il rischio di deludere è molto alto. Io stessa mi aspettavo di ritrovare personaggi fantastici alla stregua di licantropi e vampiri, che in Twilight hanno conquistato i cuori delle giovanissime (e non solo), nella loro rivisitazione lontana anni luce dalla visione gotica che li immaginava come creature disumane assetate di sangue e carne umana. Ma così non è stato (e menomale) e in L’ospite, la protagonista è un’umana anche se con il cervello alieno.

Continue Reading

Confabulando di poesiaRubriche

Il rumore delle parole

posted by Giulia febbraio 19, 2018 0 comments

 

Chi sente molto, tace…

Chi di voi si è trovato senza parole perchè quelle parole tutte assieme facevano troppo rumore?

Mi succede di zittire la mie parole quando esse non completano il mio sentire, quando esse per qualche ragione che bene non comprendo non sono il filo conduttore tra la mia testa ed il mio cuore. Io, che sono fatta di parole, mi trovo sfinita nel loro rumoroso abbraccio senza potermene svincolare e in quell’abbraccio sento il richiamo del silenzio che mi culla dolcemente.

Non è mancanza, è abbondanza.

Poi quel rumore passa, ogni parola ritorna piena e solo allora posso di nuovo abusarne.

…chi vuole dire quel che sente, non sa quel che deve dire. Continue Reading