Tag

emozioni

RecensioniRubriche

Solaris – Stanislaw Lem

posted by Giulia settembre 11, 2018 0 comments

Solaris: la fantascienza parla di filosofia

Definire Solaris un romanzo di fantascienza sarebbe non solo riduttivo, ma un vero errore. Il libro di Stanislaw Lem è difatti un’autentica opera filosofica sulla natura umana, nonostante si appoggi su una trama fantascientifica.

Leggendo Solaris si rimane segnati per sempre, perché questo è uno di quei libri che porta a riflessioni profonde, nelle quali sorge spontanea sempre la solita domanda, l’assillo atavico dell’uomo: perché?

La storia narra l’avventura di uno studioso, Chris Kelvin, che arriva, dopo un lungo viaggio di sedici mesi, su Solaris, un pianeta che ha come unica forma vivente l’oceano dal quale è totalmente ricoperto. Kelvin si rende subito conto che c’è qualcosa che non va e ben presto capisce che l’oceano è in grado di interagire con gli esseri umani in un modo alquanto surreale: è infatti capace di sondare la mente umana e di materializzare i pensieri e i ricordi più significativi nascosti in essa. Continue Reading

Confabulando di poesiaRubriche

Quiete – La natura e l’animo umano

posted by Giulia settembre 5, 2017 2 Comments

Ho scritto e scrivo molte poesie nella mia vita. Mi serve per sopravvivere, per buttare fuori l’ inquietudine che mi assale. Perchè non si può scrivere quando non ci sono emozioni che ci assalgono, non si può scrivere quando siamo tranquilli e in pace con noi stessi: le emozioni, belle o brutte che siano, sono il motore della creatività. Almeno, questo è ciò che succede a me.

Questa poesia, tratta dal mio libro Ti regalo il cielo, l’ho scritta in una giornata d’estate; stavo seduta nel giardino della mia casa nel Casentino e mi vennero in mente le ginestre con i loro fiori gialli, il canto dei grilli, la natura che si muove come metafora dell’animo umano. Il resto è venuto da dentro, così, spontaneamente. Mi capita spesso che la penna scriva senza che io pensi a cosa stia scrivendo. Succede anche a voi? Continue Reading