Tag

poesia

Confabulando di poesiaRubriche

Il rumore delle parole

posted by Giulia febbraio 19, 2018 0 comments

 

Chi sente molto, tace…

Chi di voi si è trovato senza parole perchè quelle parole tutte assieme facevano troppo rumore?

Mi succede di zittire la mie parole quando esse non completano il mio sentire, quando esse per qualche ragione che bene non comprendo non sono il filo conduttore tra la mia testa ed il mio cuore. Io, che sono fatta di parole, mi trovo sfinita nel loro rumoroso abbraccio senza potermene svincolare e in quell’abbraccio sento il richiamo del silenzio che mi culla dolcemente.

Non è mancanza, è abbondanza.

Poi quel rumore passa, ogni parola ritorna piena e solo allora posso di nuovo abusarne.

…chi vuole dire quel che sente, non sa quel che deve dire. Continue Reading

ARTICOLIRubriche

L’intricata rete dei generi letterari

posted by Giulia febbraio 5, 2018 2 Comments

Proviamo a far chiarezza…

.

I generi letterari sono moltissimi ed in continua evoluzione. Non sempre è facile distinguerli e spesso anche gli scrittori non hanno le idee chiare in proposito e può capitare che non sappiano collocare la propria opera nel genere giusto: sarà un romanzo rosa oppure un giallo? Thriller o d’avventura?

Sembra impossibile che sia così difficile districarsi nel mondo letterario, eppure alle volte succede perché, oggi più che mai, i romanzi possono contenere alcune caratteristiche che appartengono a generi diversi e questo li rende di conseguenza di difficile collocazione.

Io stessa ho scritto il mio libro Ti regalo il cielo con l’idea della trama in testa, ma nessuna certezza sulla sua futura collocazione (anche se non nego che volevo evitare di farlo ricadere in un romanzo rosa).

All’ interno di esso si alterano elementi diversi che di primo acchito possono rendere difficile capire il genere a cui appartiene; più volte sono stata travolta dall’indecisione e ho avuto bisogno di una persona esperta per capire che si trattava di un romanzo di formazione. Continue Reading

Confabulando di poesia

Il calore del fuoco in una giornata d’autunno

posted by Giulia ottobre 16, 2017 0 comments

Attendendo l’autunno

Buongiorno miei cari lettori e amanti della poesia!

Oggi voglio iniziare questa settimana con una bella poesia di Montale che mi ricorda l’autunno, di cui in questi giorni, date le temperature, sento forte la mancanza.

L’immagine della legna che brucia nel caminetto è per me simbolo di autunno, stagione magnifica, ricca di colori caldi e frutti meravigliosi.

In autunno si assaggia l’olio nuovo e qua in Toscana è un momento di puro godimento mangiare, la domenica con tutta la famiglia “la bruschetta con l’olio novo”.

Poi ci sono le castagne, bruciate o ballotte, da buttar giù con un bel bicchiere di vino novello; poi i diosperi e la pasta con la zucca…

L’autunno è per me goloso, ricco, affettuoso e romantico. A lui e a voi dedico queste parole di Eugenio Montale.

Buona poesia,

Giulia

Il fuoco che scoppietta…

Il fuoco che scoppietta
nel caminetto verdeggia
e un’aria oscura grava
sopra un mondo indeciso. Un vecchio stanco
dorme accanto a un alare
il sonno dell’abbandonato.
In questa luce abissale
che finge il bronzo, non ti svegliare
addormentato! E tu camminante
procedi piano; ma prima
un ramo aggiungi alla fiamma
del focolare e una pigna
matura alla cesta gettata
nel canto: ne cadono a terra
le provvigioni serbate
pel viaggio finale.
( Eugenio Montale Da Ossi di Seppia – Sarcofaghi)

 

Confabulando di poesiaRubriche

Quiete – La natura e l’animo umano

posted by Giulia settembre 5, 2017 2 Comments

Ho scritto e scrivo molte poesie nella mia vita. Mi serve per sopravvivere, per buttare fuori l’ inquietudine che mi assale. Perchè non si può scrivere quando non ci sono emozioni che ci assalgono, non si può scrivere quando siamo tranquilli e in pace con noi stessi: le emozioni, belle o brutte che siano, sono il motore della creatività. Almeno, questo è ciò che succede a me.

Questa poesia, tratta dal mio libro Ti regalo il cielo, l’ho scritta in una giornata d’estate; stavo seduta nel giardino della mia casa nel Casentino e mi vennero in mente le ginestre con i loro fiori gialli, il canto dei grilli, la natura che si muove come metafora dell’animo umano. Il resto è venuto da dentro, così, spontaneamente. Mi capita spesso che la penna scriva senza che io pensi a cosa stia scrivendo. Succede anche a voi? Continue Reading

Confabulando di poesiaRubriche

Un TI AMO meno scontato del solito

posted by Giulia agosto 28, 2017 2 Comments

Bè, che posso dire? Poche possono essere le parole da aggiungere a tanta poesia. Come già anticipato sul mio profilo instagram (@zugiuggi76) ecco qua una poesia di Julio Cortazar. E’ stato difficile scegliere tra le altre, perchè le poesie di questo autore le trovo tutte davvero speciali. Cortàzar usa le parole in modo sublime, ed anche se il senso delle frasi a volte sfugge, arriva diretto l’effetto che esse provocano a livello emozionale. Potrei paragonarlo ad un pittore che usa i colori in abbondanza, a volte definendo bene i contorni, altre volte lanciando sulla tela schizzi di tempera qua e là.

Buona lettura amanti della poesia! Continue Reading

Confabulando di poesiaRubriche

Un omaggio al vento

posted by Giulia agosto 14, 2017 0 comments

In questi giorni, trovandomi sulle montagne dell’ Appennino Tosco-Emiliano, ho potuto godere di un cambio climatico che quasi mi ha fatto credere che sia finita l’estate…e ne sono felicissima! Il caldo africano della piana fiorentina che mi ha soffocata fino ad ora, ha lasciato spazio a un piacevole frescolino dal potere rigenerante. Come ingrediente ultimo, si è aggiunto il vento, che ha iniziato a soffiare forte da ieri. Quanto mi piace il vento! Per questo motivo ho deciso di rendere omaggio proprio a lui, il vento, scegliendo per voi, cari amanti della poesia, Corno inglese, di Eugenio Montale. in questa meravigliosa poesia, il vento è il simbolo della vita, lo strumento primo che la natura usa per suonare la sua dolce melodia.

Continue Reading